Globo

Globo nasce nel 1978 a Giulianova, in provincia di Teramo, come piccolo punto vendita di calzature. Successivamente l’ovale verde, logo del Gruppo, si diffonde fino a diventare un vero e proprio punto di riferimento commerciale per molte famiglie del nostro Paese con punti vendita in tutte le Regioni italiane. Attualmente l’azienda conta oltre 1.000 dipendenti e centocinquantamila metri quadrati di distribuzione con 67 punti vendita.

L’ampia varietà dei generi merceologici, l´ottimo servizio offerto alla clientela e la grande convenienza, sono i punti cardine di una strategia di marketing che ha permesso la crescita e l´affermazione del marchio in tutta Italia. Nei negozi Globo si possono oggi trovare le migliori marche di calzature e abbigliamento per tutta la famiglia, ma anche il meglio in fatto di abbigliamento sportivo, di intimo ed una vasta scelta di prodotti di pelletteria e valigeria.

Globo è cresciuta fino a figurare nella classifica stilata da Business Week tra le migliori cento piccole imprese europee. Attualmente l’azienda conta oltre 1.000 dipendenti, centocinquantamila metri quadrati di distribuzione con 67 punti vendita.

Una ristrutturazione necessaria

Una crescita così veloce doveva essere accompagnata da un adeguamento flessibile dell’infrastruttura di comunicazione. La centrale telefonica di tipo tradizionale con circa 70 interni e collegata al sistema DECT presentava ormai problemi di espandibilità e funzionalità e non era più in grado di soddisfare le esigenze dei vari punti vendita. Le linee ISDN BRI erano ormai insufficienti e, fra l’altro, molto costose. “L’obiettivo di Globo era quello di poter fare affidamento su un’infrastruttura al passo coi tempi, solida, conforme agli standard e scalabile. Eravamo arrivati al punto di non ritorno: non era ormai più possibile rimandare la decisione” esordisce Stefano Pompei, Responsabile IT di Cosmo “Era necessario anche poter disporre di una piattaforma che permettesse di alleggerire il carico di lavoro del Reparto IT rendendo maggiormente autonomi i singoli punti vendita. Volevamo contare su funzionalità di Unified Communications, su un posto operatore evoluto, su una directory estesa con nominativi e numeri di telefono di clienti, fornitori e punti vendita sincronizzata con il gestionale aziendale. Non da ultimo, l’integrazione con soluzioni di videoconferenza e desktop sharing per agevolare la comunicazione fra le singole sedi aziendali riducendo i costi ed il tempo per gli spostamenti.” Tutto questo tenendo anche in considerazione della migrazione verso il VoIP.

Prima di prenderle in considerazione per la sede centrale, Globo aveva già avuto modo di testare le soluzioni innovaphone presso due punti vendita. Alla fine, la scelta è caduta proprio sul progetto di innovaphone in quanto la soluzione risultava essere la più adatta per affrontare le nuove sfide della comunicazione unificata.

Progetto e soluzioni implementate

“Presso la sede centrale a Corropoli, in provincia di Teramo, è stato installato un VoIP gateway IP810, nei punti vendita di Sulmona e Olbia si sono preferiti i VoIP gateway IP305. Tutti i telefoni scelti (IP111 ed IP232) sono dotati della nuova interfaccia grafica e tutti gli utenti utilizzano il client UC myPBX, particolarmente apprezzato per la vasta gamma di funzionalità offerte unita all’usabilità intuitiva che lo caratterizza” afferma Paolo Bocci, Amministratore di TED Ingegneria dei Sistemi, Partner di innovaphone che ha seguito il progetto “Il posto operatore, dotato di un IP232 con moduli IP2x2-EXT, utilizza l’innovaphone Operator con cuffia wireless. Sulla Linux Application Platform sono attivi i servizi di Reporting e Fax server. Estos Metadirectory mantiene sincronizzata la directory aziendale con il database clienti/fornitori/punti vendita presente nel software gestionale.” Per una maggiore fruibilità e versatilità, sugli smartphone sono state installate le App: in questo modo è possibile utilizzarli come interni telefonici ed avere a disposizione in ogni momento tutte le funzionalità di UC. Infine, insieme al cliente, TED ha identificato come soluzione ottimale un trunk SIP con un operatore telefonico per poter in tal modo scalare il numero di chiamate contemporanee e, nel contempo, abbattere i canoni TLC.

Un’installazione di successo

Il progetto portato avanti da TED Ingegneria dei Sistemi in stretta collaborazione con il Reparto IT di Cosmo ha soddisfatto pienamente le esigenze del cliente. Una piattaforma che offre funzionalità all’avanguardia, costi di manutenzione ridotti grazie anche alla possibilità di intervenire da remoto, scalabilità del sistema indispensabile per una azienda in continua crescita, facilità d’uso di dispositivi user friendly ed affidabilità sono i traguardi raggiunti. “Un fattore per noi molto importante era quello di poter gestire da remoto l’infrastruttura di comunicazione. Con la soluzione innovaphone riusciamo facilmente a farlo, risparmiando enormemente sui costi” sottolinea Stefano Pompei.

Progetti futuri

“Quello che stiamo ora valutando è la possibilità di dotare altri punti vendita di almeno una postazione UC, sia per poter effettuare conferenze audio/video per migliorare la comunicazione aziendale e illustrare prodotti e strategie commerciali, che per poter fornire assistenza remota da parte del personale IT tramite il desktop sharing” conclude Stefano Pompei “Inoltre, il servizio WebRTC sarà utilizzato per estendere i servizi UC ad utenti esterni. È poi prevista l’integrazione di apparati audio video quali unità di videoconferenza e postazioni videocitofoniche locali e remote.”



innovaphone usa i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web. Per ulteriori informazioni si rimanda alla nostra Informativa sulla Privacy. Continuando ad utilizzare il sito Internet fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.
OK