Quali sono i 5 miti più diffusi sulla comunicazione in Cloud?

Written by Dr. Petra Wanner-Meyer | 09.09.2021

In tempi di pandemia, molti lavoratori si sono trovati da un giorno all’altro nella necessità di lavorare da casa. Per molte aziende, passare al cloud sembra addirittura essere “LA” soluzione per organizzare in modo ottimale i processi di lavoro e alleggerire l’IT aziendale. Ma quali argomenti hanno a questo riguardo veramente un senso? E quali invece sono pure strategie di marketing? 

Hand, Netz, mehrere Wolken

Quanta importanza assume il fattore costi?

Siamo onesti, quale azienda ha una visione concreta e precisa dei costi IT? Ma questo è esattamente ciò che serve per confrontare i costi di una soluzione on-premise con quelli di una soluzione in cloud. Il problema inizia già con le responsabilità: chi è responsabile della determinazione dei costi? Controllo? Dipartimento IT? Gestione? Come si calcolano i costi proporzionali per l’infrastruttura e il suo utilizzo? Inoltre, anche i costi del personale, dell’energia e dell’edificio fanno parte dei costi IT. Se volete spostare i costi in direzione dell’Opex, allora oltre a Cloud e On-Premise, c’è anche la variante "Rent On-Premise", con cui le spese possono essere spostate dal Capex in direzione dell’Opex, come con il passaggio al cloud.

Flessibilità e scalabilità

Che con una soluzione cloud si sia completamente flessibili, su questo sono tutti d’accordo. Impostare nuove stazioni di lavoro o eliminare quelle di cui non c’è più bisogno? Ciò è possibile in qualsiasi momento! Più spazio di archiviazione? Nessun problema! È indiscutibile che un sistema di comunicazione installato in modo permanente nell’azienda non possa offrire lo stesso grado di scalabilità e quindi di flessibilità. Tuttavia, una soluzione di noleggio on-premise, che offre una flessibilità paragonabile al cloud, è diversa.  In entrambi i casi, è importante che i servizi siano basati su un modello di prezzi semplice e trasparente. Il cliente deve essere in grado di comprendere le spese in ogni punto. 

Il Cloud è sempre sinonimo di maggiore efficienza?

“Cloud” significa contemporaneamente: soluzioni best-of-breed, cioè le migliori disponibili al momento. Ma è questo il caso? Se si guarda più da vicino, molte aziende compiono il passaggio al cloud per "lift-and-shift", cioè trasferendo le applicazioni già esistenti 1:1 al cloud (fonte: IDG Study Cloud Migration 2018, p.35). Tuttavia, solo coloro che utilizzano il passaggio al cloud come anche  un’opportunità per modernizzare le loro soluzioni sono in grado di trarne un maggior beneficio attraverso prestazioni più elevate e una migliore efficienza. 

Cloud & Sicurezza: mito o realtà?

Un altro argomento a favore del cloud: “L’IT dovrebbe ottimizzare stabilità e sicurezza”. (IDG Study Cloud Migration 2018, p.23). Ma è proprio qui che si palesa il paradosso del cloud: da un lato, ci si aspetta più sicurezza da un passaggio al cloud, dall’altro, le preoccupazioni per la sicurezza rappresentano la soglia di inibizione più comune per un cambiamento. Questo è anche il motivo per cui al momento le soluzioni di cloud privato sono ancora molto popolari tra le aziende. 

Esternalizzazione dei servizi informatici

Nel cloud, non si è quindi più responsabili dell’hardware: questa è una motivazione comune nell’outsourcing dei servizi nel cloud. Ma qui l’errore sta nel dettaglio: se, ad esempio, il cloud del computer si trova sui server dell’azienda (on premise)  in un cloud privato, l’IT interno è comunque responsabile del suo funzionamento. La situazione è diversa se le applicazioni sono state esternalizzate sui server di un fornitore di servizi esterno e, ovviamente, anche nel caso di un passaggio totale al cloud. In questo caso, le aziende danno quasi sempre per scontato che argomenti come la sicurezza, protezione e conformità dei dati, i backup o la disponibilità delle applicazioni siano responsabilità del fornitore di servizi cloud. E anche questo è sbagliato e quindi un altro mito; perché le questioni di responsabilità con i servizi cloud sono estremamente complesse e la sede del fornitore cloud assume grande importanza. 

Cloud, nolo o acquisto? Conclusione:

Diventa chiaro che sono molti gli aspetti che devono essere considerati quando si decide a favore o contro una soluzione di cloud, noleggio o acquisto:

  • Il tema dei costi: molto più complesso di quanto sembri a prima vista.
  • Flessibilità e insieme dei servizi: un chiaro punto a favore dei modelli di cloud e noleggio.

  • Sicurezza: Un argomento fortemente guidato da desideri, aspettative e paure, che difficilmente è adatto come argomento razionale nel processo decisionale.

  • Ci sono poi anche comprensibili ragioni per voler gestire l’infrastruttura aziendale interamente all’interno dell’azienda.

Che cosa fare quindi?

Seguiteci! In uno dei nostri prossimi post sul blog, vi daremo una serie di parametri per aiutarvi a trovare il modello commerciale più adatto alle esigenze della vostra azienda!

Torna al Blog

Gli ultimi post

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza nella navigazione sul nostro sito web. Ciò include i cookie necessari, indispensabili per il funzionamento del sito, i cookie statistici, utilizzati esclusivamente a scopi statistici in forma aggregata, quindi anonima, ai fini di ottimizzazione del sito, e i cookie di funzionalità che consentono di fornire funzionalità avanzate all’utente. Puoi scegliere liberamente quali categorie accettare. Ti preghiamo di prendere nota che, in base alle tue impostazioni, non tutte le funzionalità del sito potrebbero essere disponibili. Se accetti tutti i cookie, avrai pieno accesso ai servizi del nostro sito web. Per ulteriori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra Privacy Policy.

   
    Impostazioni dei cookie